Resoconto CC 29 Luglio 2016

In data 29 Luglio 2016, presso il salone Estense del comune di Varese, si è svolto il consiglio comunale con il seguente ordine del giorno:

 

  1. INDIVIDUAZIONE/ ISTITUZIONECOMMISSIONI CONSILIARI PERMANENTI
  2. DISCUSSIONE/ VOTAZIONE LINEE PROGRAMMATICHE DI MANDATO
  3. VARIAZIONE DI BILANCIO
  4. ESISTENZA EQUILIBRI DI BILANCIO

[...continua...]

Resoconto CC 21 Luglio 2016

In data 21 Luglio 2016, presso il salone Estense del comune di Varese, si è svolto il consiglio comunale con il seguente ordine del giorno:

  1. PRESENTAZIONE DELLE LINEE PROGRAMMATICHE DI MANDATO AI SENSI DELL’ART. 51 DELLO STATUTO COMUNALE (relatore il sindaco avv. Davide Galimberti)
  2. NOMINA DELLA COMMISSIONE  COMUNALE PER LA FORMAZIONE DEGLI ELENCHI DEI GIUDICI POPOLARI (relatore il sindaco avv. Davide Galimberti)

[...continua...]

Resoconto CC 31 Maggio 2016

In data 31 Maggio 2016, presso il salone Estense del comune di Varese, si è svolto, ultimo di questa amministrazione, il consiglio comunale con il seguente ordine del giorno:

 

1. APPROVAZIONE DEL RENDICONTO DI GESTIONE DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE PER L’ESERCIZIO 2015. (Relatore Assessore Giuseppe Montalbetti)

2. PROPOSTA DI RIQUALIFICAZIONE AMBITO DA ASSOGGETTARE A PIANO ATTUATIVO IN VIA AVEGNO 12 – APPROVAZIONE. (Relatore Assessore Fabio Binelli)

[...continua...]

Resoconto CC 18 Maggio 2016

In data 18 Maggio 2016, presso il salone Estense del comune di Varese, si è svolto il consiglio comunale (si sarebbe dovuto tenere il 10 Maggio in verità, ma la maggioranza non è riuscita a garantire il numero legale, galeotto fu l’inizio anticipato alle 20) con il seguente ordine del giorno:

1_ determinazione del tasso di copertura del costo di gestione servizi a domanda individuale per l’anno 2016 (relatore assessore Giuseppe Montalbetti)

2_ bilancio di previsione finanziario 2016-2018 e aggiornamento documento di programmazione 2016-2018 (relatore assessore Giuseppe Montalbetti)

[...continua...]

Resoconto CC 19 Aprile 2016

In data 19 Aprile 2016, presso il salone Estense del comune di Varese, si è svolto il consiglio comunale con il seguente ordine del giorno:

1. TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI). CONFERMA DELLE ALIQUOTE PER L’ANNO 2016. (Relatore Assessore Giuseppe Montalbetti)

2. TASSA SUI RIFIUTI (TARI). DETERMINAZIONI INERENTI IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO, GLI IMPORTI UNITARI DI TARIFFA E LE SCADENZE DI PAGAMENTO PER LANNO 2016. (Relatore Assessore Giuseppe Montalbetti)

3. BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2016/2018 E DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE 2016/2018. PRESENTAZIONE. (Relatore Assessore Giuseppe Montalbetti)

4. PIANO ATTUATIVO IN VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT RELATIVO

ALL’AREA DI COMPLETAMENTO AC27 SCHIRANNETTA. CONTRODEDUZIONI AD

OSSERVAZIONE E APPROVAZIONE. (Relatore Assessore Fabio Binelli)

5. PROGETTO, IN VARIANTE AL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO, PER LA RISTRUTTURAZIONE E L’AMPLIAMENTO DI UNA PORZIONE DI EDIFICIO AD USO DIREZIONALE (DA UTILIZZARE COME CLINICA VETERINARIA) IN VIALE AGUGGIARI N. 162 A VARESE (SOC. CENTRO BENESSERE ANIMALE). (Relatore Assessore Sergio Ghiringhelli)

6. LAVORI DI SOMMA URGENZA PER LA MESSA IN SICUREZZA SCUOLA INFANZIA LOVERA – SCUOLA ELEMENTARE BARACCA VIA DEL GAGGIO N. 9 – VARESE. PROVVEDIMENTO A COPERTURA SPESE. (Relatore Assessore Riccardo Santinon)

7. MOZIONE A TUTELA DEI LAVORATORI FRONTALIERI. (Relatore Presidente del Consiglio Comunale Roberto Puricelli)

TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI). CONFERMA DELLE ALIQUOTE PER L’ANNO 2016.

La Legge di Stabilità 2016 (n° 208 del 28/12/2015), all’art.1, comma 26, dispone, per il corrente anno, la sospensione dell’efficacia delle deliberazioni degli enti locali nella parte in cui prevedono aumenti dei propri tributi (c.d. blocco delle aliquote) rispetto alle aliquote applicabili nel 2015.

La suddetta legge contiene, inoltre, le seguenti disposizioni che modificano la disciplina normativa TASI, tra cui:

a) la modifica dell’art.1, comma 639, della Legge n° 147/13, nel senso di escludere dal tributo le unità immobiliari destinate ad abitazione principale del possessore, nonché dell’utilizzatore e dal suo nucleo familiare, ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A /1, A/8 e A/9;

b) la sostituzione dell’art.1, comma 669, della Legge n° 147/13, in materia di presupposto impositivo TASI, ora individuato nel possesso o detenzione, a qualunque titolo, di fabbricati e aree edificabili, ad eccezione in ogni caso dei terreni agricoli e dell’abitazione principale di cui all’art. 13, comma 2, del D.L. N° 201/2011, escluse quelle classificate in categoria catastale A/1, A/8 e A/9;

c) l’integrazione dell’art.1, comma 678, della Legge n° 147/13, con la previsione di una specifica aliquota TASI, dal 2016, per i c.d. “immobili merce” posseduti da imprese che li abbiano costruiti per la successiva vendita, pari allo 0,1 per cento, sulla cui misura i comuni possono intervenire in diminuzione (fino all’azzeramento) o in aumento (fino ad un massimo dello 0,25 per cento).

Considerato l’elenco dei servizi indivisibili individuati alla cui copertura la TASI è diretta, per l’anno 2016 sono confermate le vigenti aliquote TASI:

1,5 per mille per le abitazioni principali di categoria catastale A/1, A/8 e A/9 (ivi comprese quelle

assimilate per legge o regolamento) e relative pertinenze;

2,5 per mille, per i cosiddetti “fabbricati merce” (immobili costruiti destinati alla vendita);

2,5 per mille, per tutte le altre fattispecie.

Per i locatari, sarà mantenuta il 30% della TASI per i negozi in affitto ma non per i privati, essendo considerata prima casa.

Il provvedimento è stato approvato con 17 voti favorevoli e 8 contrari (M5S).

TASSA SUI RIFIUTI (TARI). DETERMINAZIONI INERENTI IL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO, GLI IMPORTI UNITARI DI TARIFFA E LE SCADENZE DI PAGAMENTO PER L’ANNO 2016.

In allegato sono riportate le tariffe e il Piano Economico Finanziario presentato da Aspem, rispetto al 2015 l’ammontare di quanto corrisposto dal comune ad Aspem stessa è diminuito di circa 200000 euro, ora uguale a 15186000 euro.

Mantenuto l’orientamento comunale di far pesare la tariffa più sulle utenze non domestiche (comunque diminuito del 2.5%) che sulle domestiche (-1.5%).

Le rate di pagamento sono le seguenti: 15 luglio – 15 settembre – 15 novembre.

Rimaniamo in attesa che Aspem illustri i risultati della sperimentazione della raccolta puntuale sui rifiuti, terminata nel 2015: attualmente la % di raccolta differenziata non arriva al 65%, quando altre realtà sono oltre il 70% realtà simili in tutta Italia.

Speriamo che prima o poi cambi l’impianto legislativo, che affida ad Aspem la gestione del servizi di igiene urbana fino al 2034, e si possa andare a gara, in modo da poter ottenere risparmi più consistenti.

In un futuro ideale vorremmo anche che il servizio ritorni ad essere pubblico, gestito dai più comuni, ma al momento non sembra nelle intenzioni di nessuno, tranne che di M5S.

Il provvedimento è stato approvato con 22 voti favorevoli, un contrario (M5S), un astenuto (ML).

 

BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2016/2018 E DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE 2016/2018. PRESENTAZIONE.

Illustrata dall’assessore Montalbetti la struttura del bilancio previsionale, nel solito quadro di incertezza normativa (non fa nemmeno più notizia, ci siamo abituati ormai) , questi i punti principali:

- presenti nuovi accantonamenti/ spese aggiuntive a carico degli enti locali.

- spesa corrente è prevista uguale a 97mln euro a parità di entrate rispetto al 2015, senza tagli sui servizi socio educativi.

- conferma di un piano delle opere per 23 mln di euro, comprendente gli interventi in piazza Repubblica, villa Mylius. Manutenzioni agli stabili comunali

Il bilancio di previsione sarà poi discusso nel dettaglio il 10 Maggio 2016.

 

PIANO ATTUATIVO IN VARIANTE AL PIANO DELLE REGOLE DEL PGT RELATIVO

ALL’AREA DI COMPLETAMENTO AC27 SCHIRANNETTA. CONTRODEDUZIONI AD

OSSERVAZIONE E APPROVAZIONE.

Il 22 Dicembre il CC approvava il piano attuativo in variante al piano delle regole del PGT (M5S contrario) , piano che è stato sottoposto a verifica di assoggettabilità alla Valutazione Ambientale Strategica (VAS).

Presentata da un privato una osservazione relativamente all’assoggettamento di parte delle aree in cessione a parcheggio.

L’osservazione è stata respinta con 24 voti favorevoli (unanime)., il piano attuativo è stato poi rivotato e approvato con 16 voti favorevoli, 7 contrari e un astenuto.

PROGETTO, IN VARIANTE AL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO, PER LA RISTRUTTURAZIONE E L’AMPLIAMENTO DI UNA PORZIONE DI EDIFICIO AD USO DIREZIONALE (DA UTILIZZARE COME CLINICA VETERINARIA) IN VIALE AGUGGIARI N. 162 A VARESE (SOC. CENTRO BENESSERE ANIMALE).

Trattasi di un ampliamento/ristrutturazione di un edificio a uso clinica veterinaria richiesto dalla società Benessere Animali srl, in contrasto con il vigente PGT (andrebbe a sovrapporsi ad un’area di verde di connessione): per questo la società ha fatto ricorso allo Sportello Unico attività produttive (SUAP), per avere comunque il permesso ad ampliarsi (per installazione di una risonanza magnetica e più spazio per pronto soccorso/chirurgia).

Il provvedimento è stato approvato all’unanimità, in cambio in privato si impegna a realizzare (e manutenere) una vasca di laminazione (la zona è soggetta ad allagamenti), oltre ad interventi a favore del canile di Varese (ottenuti dal dirigente comunale in conferenza dei servizi).

Chiesto in commissione se il privato fosse disponibile a cedere anche i diritti edificatori, non possibile secondo l’assessore Ghiringhelli a questo punto dell’iter.

Il provvedimento è stato approvato con 20 favorevoli (M5S) e n° 6 astenuti (PD).

LAVORI DI SOMMA URGENZA PER LA MESSA IN SICUREZZA SCUOLA INFANZIA LOVERA – SCUOLA ELEMENTARE BARACCA VIA DEL GAGGIO N. 9 – VARESE. PROVVEDIMENTO A COPERTURA SPESE.

Provvedimento approvato all’unanimità per mettere in sicurezza la scuola infanzia Lovera-elementare Baracca, a seguito della caduta di calcinacci dal tetto.

Operata da una ditta specializzata un’analisi della struttura, che ne ha rilevato diverse criticità che verranno “tamponate” con interventi in urgenza per circa 37000 euro.

M5S era assente dall’aula al momento della votazione (ero in bagno), confidando in un ampio dibattito, dato che è il terzo caso di questo genere che si verifica negli ultimi tempi, per fortuna senza conseguenze.

Senza nemmeno sottolineare la necessità di intervenire quanto prima (il comune partirà con una campagna di monitoraggio degli edifici pubblici), destinando risorse adeguate a questo scopo, il provvedimento è stato quindi approvato.

Non ci resta che sperare che nel piano delle opere si dia la precedenza ad interventi di manutenzione delle scuole, piuttosto che ai parcheggi.

 

MOZIONE A TUTELA DEI LAVORATORI FRONTALIERI.

Presentata anche a Varese la mozione (partita da Luino) a sostegno dei frontalieri.

Ad oggi l’accordo vigente prevede la tassazione esclusiva in Svizzera con il ristorno del 38,8% del gettito ai Comuni italiani della zona di confine.

La discussione di questa mozione, che ha lo scopo di tutelare il lavoratore frontaliere, evitando che sia penalizzato dai nuovi accordi, è stata però rinviata, scelta non condivisa da M5S e ML .

La causa del rinvio sta in una mozione simile presentata in Provincia (ma con alcune differenze) e in un emendamento presentato dal consigliere Pramaggiore, che propone di rivedere il meccanismo dei ristorni, che al momento penalizza Varese, basandosi non sul numero dei lavoratori residenti nel comune ma alla percentuale degli stessi rispetto alla popolazione.

Questo documento sarà presentato e discusso nella seduta del 10 maggio, resta lo “sgarbo istituzionale “ nel non aver discusso una mozione inviataci da un altro comune, mozione peraltro messa in Odg d’urgenza.

I lavori si sono chiusi alle ore 00:00.

Allegati